COMPRAMI
è un brand
del gruppo

e vorrai sapere sempre di più

Typographer

Mancano 161 giorni alla fine dell’anno, in Papua Nuova Guinea si festeggia il Giorno del ricordo, ma soprattutto il 23 luglio del 1829 fu brevettata la prima macchina da scrivere.

Era una scatola di legno, grande ed ingombrante, con una leva all’estremità che abbassandosi imprimeva le lettere, minuscole a maiuscole, su un rotolo di carta. Si chiamava Il Tipografo, titolo originale del brevetto “Typographer”. Il suo inventore, lo statunitense William Austin Burt certo non divenne milionario grazie a questa invenzione, ma riuscì a dare la spinta per una trasformazione fondamentale per la scrittura.

La prima macchina da scrivere con successo commerciale è del 1867, la Remington no. 1 conosciuta anche come “macchina da scrivere Sholes and Glidden”. Il prototipo di questa invenzione fu acquistato dalla E. Remington and Sons che con le dovute modifiche la mise in commercio il 1° luglio 1874.

Fiore all’occhiello nella creazione di macchine da scrivere ha comunque il marchio Made in Italy, e sì, stiamo parlando dell’oggetto cult per eccellenza: Lettera 22 di Olivetti, che ha rappresentato uno status symbol riconoscibile anche oggi nell’era digital.

#Leggimi e vorrai saperne sempre di più.