COMPRAMI
è un brand
del gruppo

e vorrai sapere sempre di più

Luglio con il bene che ti voglio.

Siamo contenti che la bella stagione sia finalmente arrivata? Ma quanto siamo contenti?

Dopo un giugno incerto nel suo carattere, e dopo una primavera meravigliosa che abbiamo potuto godere dalle finestre, ecco finalmente il mese della rinascita.

Sembrava impossibile, invece ci siamo: le maglie delle restrizioni sociali si stanno lentamente allentando, c’è la possibilità di spostarsi tra le regioni, possiamo andare al ristorante, al drive-in, a passeggio, in spiaggia, in montagna e al lago. Certo, non è un luglio come la nostra memoria ci ricorda, ma è altrettanto vero che la mente umana impiega solo 20 giorni ad accettare nuove abitudini, e che l’uso della mascherina, e il non saltarsi addosso per gli italici consueti saluti, è già un comprovato sistema di comportamento.

Non ci resta che programmare una vacanza a casa nostra e scoprire i 5 luoghi d’Italia che hai #Sempre pensato di visitare ma poi non l’hai mai fatto:

  1. Monterchi, Arezzo. In una piccola scuola, in un paese lontano dalle mappe turistiche, e con un prezzo irrisorio rispetto alla meraviglia, è possibile visitare la Madonna del Parto di Piero della Francesca. Raggiunse la località per il funerale della madre e nella chiesetta di Santa Maria di Momentana nel 1459, e in soli 7 giorni, dipinse l’affresco di cui oggi siamo certi essere una delle opere più belle al mondo. Vi invitiamo a cogliere l’occasione di far visita a quest’opera che il mondo ci invidia e che noi visitiamo troppo poco.
  2. Mai sentito parlare del giardino di Ninfa? Si tratta di un lussureggiante giardino in provincia di Latina (a Cisterna di Latina per l’esattezza) che nella primavera, ovviamente, dà il meglio di sé. Hanno passeggiato in questo luogo tra i più grandi autori del ‘900, cercando le parole giuste, figure come: Truman Capote, Ungaretti, Moravia, Virginia Woolf. Il New York Time lo ha definito uno “tra i giardini più belli del mondo, e che gli italiani non sanno quasi neanche che esiste”. Merita sicuramente una visita.
  3. Grotta del Gigante, situata nel cuore del carso, è la grotta con la sala turistica più grande al mondo: alta 114 metri, lunga 280 e larga 76,3 metri. È aperta tutto l’anno, il percorso è lungo 850 metri e consente di raggiungere i 110 metri sotto la superficie. Ci vuole passione per te, e un briciolo di follia (Cit.), ma sarà uno spettacolo naturale che resterà #Sempre presente nella memoria.
  4. In provincia di Viterbo è possibile visitare un parco che più bello non ce n’è, è il parco dei Mostri di Bomarzo. Fu ideato dall’architetto Pirro Ligorio su commissione del Principe Pier Francesco Orsini, dopo la morte della moglie Giulia Farnese. L’architetto, che fu colui che completò l’opera di San Pietro dopo la morte di Michelangelo, prese in carico l’idea del suo mecenate e creò un parco, che è in realtà un percorso nel “Manierismo italiano”. Preparatevi ad incontrare “orsi giganti”, “sirene”, “figure mitologiche” e una particolare “casa pendente” che vi disorienterà con una momentanea perdita dell’equilibrio.
  5. Ultimo ma non per importanza, parliamo di un museo a Roma. Un museo particolarmente interessante non solo per le opere contenute, ma anche e soprattutto per il contenitore: si tratta della Centrale Montemartini: “uno straordinario esempio di riconversione in sede museale di un edificio di archeologia industriale, il primo impianto pubblico di Roma per la produzione di energia elettrica.”

Cosa vi diciamo #Sempre: #Leggimi e ne saprai di più.

A questo punto, non ci resta che dirvi:

Buona vacanza in Italia, per l’Italia.